Fiori di carta – Carla Marcone – Ebook

 4,99

Un romanzo fatto di storie nelle storie; di tanti personaggi indissolubilmente, ma misteriosamente, legati gli uni agli altri; non una ma diverse ambientazioni: il ’68, ma anche la seconda guerra mondiale. Così scopriamo Rossella, nata da una madre sorda e muta di fronte alla sordità del mondo, Fabian, il pesatore che viene da un paese dell’Est, Maria, Fatima che è costretta per la guerra a lasciare la sua terra, Linda ed Elena e il loro amore lesbico. E tanti altri personaggi. Ognuno di loro, come da un filo rosso sottile e quasi invisibile, è legato ad una misteriosa lettera custodita da Maria in un barattolo dai girasoli gialli. Una scrittura avvincente come il finale che incolla alla lettura fino all’ultima riga.

Pagine: 176
Pubblicazione: 2005
Collana: Voci ebook
Genere: Romanzo
Disponibile anche in cartaceo

COD: 9788889682418 Categoria:

Inizia così

FioriMia madre aveva sedici anni e mi sputò fuori dal suo ventre come un boccone amaro. Dalla finestra arrivava la voce di un uomo dilatata da un megafono che annunciava il film di quella sera, ripetendo un ritornello sempre uguale in ogni strada, su una bicicletta cigolante. Gli orologi avevano appena segnato le sette quando emisi il primo vagito, mentre Maria recideva il cordone ombelicale con un coltello che la mattina stessa era servito a tagliare in due una cipolla. Immediatamente dopo, mia madre, da sempre senza madre né padre, che aveva negli occhi, con l’azzurro del cielo, il sorriso alla Gable di un uomo e nel cuore la consapevolezza che non lo avrebbe rivisto mai più, si alzò dal letto, si ripulì del sangue, si mise il rossetto e vide lo specchio piangere di paura, poi… Continua

L'autrice

Carla Marcone è nata a Napoli  in una calda notte di luglio, mentre nel mondo echeggiava la rivolta e le streghe tornavano bruciando il reggiseno in piazza.
Crescere in una famiglia di stampo patriarcale, dove, però, erano le donne a portare i pantaloni, ha sviluppato in lei un estremo senso di ribellione contro ogni sopruso, contro ogni  ingiustizia.
I suoi personaggi, di cui l’autrice racconta in uno stile  fatto spesso di parole sussurrate che nascondono segreti, affrontano nella maggior parte dei casi il proprio destino spinti dalla molla del “adessovifacciovedereiodicosasonocapace”, talvolta uscendone vittoriosi, altre delusi e sconfitti; ma è la vita, sì la vita, quella vera, quella della gente comune che  Carla Marcone  trasporta, riveduta e corretta dalla fantasia, nei suoi romanzi.
Ha pubblicato il racconto Favola d’Aprile (2004), e i romanzi Fiori di carta (Scrittura&Scritture 2005) eTeresa e la luna (Scrittura&Scritture, 2008).

Recensioni

Ramona Granato – Leggimi nel pensiero
La storia intessuta da Carla è fitta come la trama di un arazzo e, allo stesso tempo, è semplice come un filo di cotone. La voce di Rossella mi ha conquistata fin dalle prime pagine, narrando senza fronzoli, con una nudità di parole più impudica di qualsiasi nudità del corpo.
Continua a leggere >>


Marianna Di Pilla – Pensieridicartapesta.it
Amore, rabbia, odio, disprezzo, indifferenza: i sentimenti umani, invece, ci sono tutti, e sono approfonditi e resi con toni che vanno dalla dolcezza più delicata a quelli più rabbiosi e avvelenati.
Continua a leggere >>


Benedetta Casaretti – Lungotevere.net
Una catena di episodi, di volti, di esperienze legati l’una all’altra si snodano delineando un universo.
Continua a leggere >>


StradaNove
Amori, misteri e follie tra conventi e botteghe nell’isola che non c’è
Continua a leggere >>


Angelo Angellotti – Progettobabeble
Marcone sviscera le piccole storie dei suoi racconti. Piccole perché semplici, intense. Piccole perché mostrano ma non rivelano, se non nel finale, il senso nascosto di ogni personaggio, legato l’uno agli altri.
Continua a leggere >>


Maria Grosso – Leggere Donna
So che per qualche ora non riuscirò a smettere di leggerlo, che non mi lascerà finchè non avro visto la parola fine.
Continua a leggere >>


Gianluca Calvino – Librincircolo.it
L’esordio di Carla Marcone ha la capacità di trascinarci, attraverso una prosa scorrevole e godibile, in una dimensione sospesa tra realtà e finzione, tra vita e letteratura.
Continua a leggere >>

Contenuti extra

Gianni Moi legge il primo capitolo di Fiori di carta